Lavorare come corriere: come funziona e quali requisiti rispettare?

Quello del corriere è un lavoro particolarmente diffuso nell’ambito della realtà contemporanea, dal momento che è sempre più servizi logistici Si servono di persone addette alla consegna di merci, prodotti e strumenti che vengono acquistati o ordinati da un determinato utente punto in generale, il lavoro del corriere si svolge attraverso la funzione di trasporto e consegna di pacchi e merci per conto terzi, il cui acquisto avviene all’interno di piattaforme di ecommerce, siti, realtà on-line o off-line. Nel prendere in considerazione il lavoro stesso del corriere, però, non basta sottolineare quale sia la mansione in termini generici, ma vanno sottolineati altri aspetti riguardanti i requisiti per diventare corriere e funzioni specifiche che vengono svolte da parte di questi trasportatori stessi punto ecco, dunque, tutto ciò che c’è da sapere a proposito del lavoro del corriere.

 

Requisiti per diventare corriere

 

Al fine di prendere in considerazione la specifica attività lavorativa che viene svolta da un corriere, vale la pena sottolineare quali siano i requisiti specifici che sono richiesti da parte della maggior parte delle aziende che richiedono la presenza di trasportatori di merci per conto terzi. Generalmente, non c’è bisogno di un titolo di studio specifico per diventare corriere, per quanto molte aziende richiedono, all’interno del proprio curriculum, la presenza del diploma di scuola superiore tra i requisiti fondamentali. 

 

Generalmente, però, il requisito fondamentale per diventare corriere è il possedimento di una patente che permetta di guidare furgoni, piccoli camion e van, che occorrono per la consegna, il ritiro e lo smistamento della merce. Un punto in più è affidato a tutti coloro che hanno già precedente esperienza nel settore lavorativo e che sono specializzati nell’utilizzo del muletto o del transpallet, due strumenti fondamentali nello smistamento e nella consegna delle merci. Dopo aver effettuato alcuni corsi di formazione iniziali, delle quali molte organizzate dalle aziende stesse che reclutano nuovi dipendenti, il corriere sarà subito disponibile allo svolgimento di un lavoro specifico, purché siano dimostrate le sue capacità di guida, la sua conoscenza delle strade di un determinato territorio, la sua velocità nella consegna nel ritiro delle merci, la sua capacità di problem solving e di svolgere velocemente il suo lavoro e, infine, la sua tolleranza allo stress che, in un lavoro definito da scansioni piuttosto rapide, è fondamentale.

 

Quali mansioni svolge un corriere?

A questo punto, si possono considerare le specifiche funzioni che riguardano una normale giornata lavorativa da parte di un corriere, considerando che la stessa si svolge in tempi molto prolungati e che, soprattutto, inizia molto presto, con un numero di consegne generalmente molto elevato. Le mansioni che vengono svolte dai corrieri nell’ambito di una giornata lavorativa sono le seguenti: a partire dal carico dei pacchi o dei pallet sul furgone, il corriere partirà per la zona di consegna, e ricoprirà la maggior parte delle abitazioni presenti in un determinato territorio a lui adibito. 

 

Successivamente, dopo aver consegnato la merce predisposta, dovrà registrare la consegna e il pagamento effettuato sull’applicazione associata al suo lavoro. E ancora, le sue mansioni si rivolgeranno al successivo ritiro di merce, cui segue nuova consegna, al rientro al deposito con lo scarico della merce eccedente e, infine, l’ultima attività nella giornata lavorativa di un corriere è quella dello smistamento della merce in magazzino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *