Come ottenere la definizione muscolare ideale

Passate le vacanze invernali, in tanti iniziano già a prepararsi fisicamente e mentalmente per le ferie estive, pensando alla tanto temuta prova costume. L’obiettivo sarà il raggiungimento di una forma fisica migliore in modo tale da presentare nel migliore dei modi il proprio corpo in spiaggia. I motivi sono tanti, si cerca di dimagrire per apparire meglio a se stessi, per apparire meglio all’altro sesso, o semplicemente per non imbarazzarsi sotto gli sguardi di estranei. Un’allenamento costante e graduale permetterà di forgiare un corpo bello da vedere e da mostrare. Il raggiungimento di una forma fisica invidiabile non passerà solo dall’attività fisica, bensì anche da una coscienziosa alimentazione, fondamentale nel raggiungimento dei propri obiettivi. Tali scopi vengono compiuti passando per la definizione muscolare.

Definizione muscolare

La definizione muscolare non è altro che la riduzione di cellule grasse interposte tra le cellule muscolari e le cellule cutanee. Alcuni sostengono che nella divisione tra cute e muscoli occorra ridurre anche i liquidi interstiziali, sbagliandosi. La riduzione dei liquidi corporei è un grave errore, in quanto una diminuzione di essi può portare squilibri fisiologici non indifferenti. L’idratazione è infatti fondamentale nella definizione muscolare, e va incentivata bevendo periodicamente durante la giornata. Tramite definizione muscolare noi intendiamo un vero e proprio dimagrimento del nostro organismo.

Come raggiungere una corretta definizione

Partiamo dal presupposto che non esiste uno specifico periodo dell’anno nel quale iniziare il proprio allenamento. Dipende dagli obiettivi che ogni individuo si prefissa. Sicuramente se l’obiettivo sarà quello di plasmare il proprio corpo in maniera ottimale al fine di apparire bene in vacanza estiva, si può iniziare la definizione muscolare a partire dal periodo invernale. Ciò dipenderà anche dalla persona che vuole raggiungere una corretta forma fisica. Se ad esempio un individuo non è in sovrappeso può seguire la stessa alimentazione ed eseguire esercizi specifici per la definizione muscolare fino a 2-3 mesi prima della partenza per il viaggio. Da qui infatti solitamente la dieta subirà una modifica, riducendo l’apporto calorico. Se invece un soggetto ingrassa con maggior difficoltà, potrà seguire la stessa alimentazione effettuando gli esercizi di definizione. Infine abbiamo i soggetti che vogliono migliorare il proprio aspetto ma presentano qualche chilo di troppo. Nel loro caso la riduzione di calorie dovrà iniziare qualche mese prima. Il raggiungimento di una corretta forma fisica passa prima da un’adeguata definizione muscolare, la quale agisce sia sull’alimentazione che su esercizi specifici e mirati, e poi dall’aumento della massa magra con attività fisica più generica. Se infatti si eseguissero esercizi per incrementare la massa magra senza prima una definizione muscolare, ci si ritroverebbe con un aumento sia di muscoli che di grasso, seppur in proporzioni chiaramente differenti. Questa situazione potrebbe soddisfare un soggetto che non vuole apparire con soli muscoli, ma anche con una moderata rotondità.

Un corretto allenamento

L’attività fisica dovrà essere adeguata al soggetto che intende migliorare il proprio aspetto. Dovrà inoltre essere coordinata a una giusta alimentazione. Praticare sport in maniera eccessivamente blanda con un’alimentazione normale che può comprendere anche grassi non porterà ad alcun risultato. Sarà errato anche l’approccio opposto, ovvero un allenamento esageratamente intenso e un’alimentazione drasticamente povera. Il sovrallenamento non solo causerà in breve tempo un’importante sensazione di fatica, ma comporterà anche altri danni al nostro organismo. Questo porterà dunque l’aspirante culturista ad una strada sbagliata, alterando il suo stato fisico e mentale. Anche un’alimentazione eccessivamente ridotta causerà solo danni, come ad esempio la mancanza di energie sufficienti per affrontare periodiche sedute sportive. La soluzione sta dunque nel mezzo, va trovato il perfetto equilibrio tra attività fisica e apporto energetico.

Tipi di allenamento

Un allenamento in grandi linee può essere di due tipi, aerobico o anaerobico. C’è chi sostiene che il migliore sia l’anaerobico, chi sostiene sia l’aerobico. Il tipo di allenamento dipenderà dalle esigenze di chi lo pratica. Se l’atleta dovrà affrontare esibizioni protratte nel tempo, l’allenamento adeguato sarà chiaramente aerobico. Caso contrario nell’allenamento anaerobico, che comporterà muscoli capaci di resistere a grandi sforzi di breve durata. Durante la definizione muscolare e poi ottimizzazione della massa magra, un corretto allenamento dovrebbe prevedere esercizi sia aerobici che anaerobici.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *