Vegani, vegetariani e pescetariani: i rischi di fratture senza la carne

Strano ma vero. Vegani, vegetariani e pescetariani sono a maggior rischio di fratture ossee in tutto il corpo, secondo uno studio pubblicato sulla rivista “BMC Medicine”.

Lo studio precisa che i vegani, con un consumo medio di calcio e proteine ​​inferiore a quello delle persone che mangiano carne, hanno il 43% di possibilità in più di contrarre possibili fratture con un rischio specifico più elevato a livello di anche, gambe e vertebre.

Quanto ai vegetariani e ai pescetariani, che consumano determinati prodotti animali ma non la carne, anche loro presentano anche un maggior rischio di fratture sebbene il rischio sia parzialmente ridotto a seconda dell’indice di massa corporea, il consumo di calcio e proteine, indica lo studio.

Per giungere a queste conclusioni, un team di ricercatori delle università britanniche di Oxford e Bristol ha analizzato i dati di 54.898 uomini e donne che vivono nel Regno Unito, reclutati per seguire la loro dieta e lo stato di salute a lungo termine tra il 1993 e il 2001.

Tra i partecipanti, 29.380 hanno mangiato carne, 8.037 hanno mangiato pesce ma non carne, 15.499 erano vegetariani e 1.982 erano vegani.

Le loro abitudini alimentari sono state analizzate nel momento in cui sono state reclutate per lo studio e aggiornate nuovamente a distanza di anni.

Durante la media di 18 anni in cui ciascuno di essi è stato osservato, sono state registrate 3.941 fratture in totale, di cui 566 alle braccia, 889 ai polsi, 945 ai fianchi, 366 alle gambe , 520 alle caviglie e 467 alla clavicola, costole o vertebre.

Gli autori non hanno osservato differenze significative nel rischio di fratture alle braccia, ai polsi o alle caviglie una volta preso in considerazione il loro indice di massa corporea, sebbene abbiano riscontrato un rischio maggiore per le gambe, la clavicola, le costole e le vertebre tra coloro che non mangiavano carne.

Studi precedenti hanno dimostrato che bassi indici di massa corporea sono associati a più fratture dell’anca, mentre una dieta povera di calcio e proteine ​​è collegata a una cattiva salute delle ossa è stata la disamina epidemiologo e nutrizionista di Oxford sulla rivista “BMC Medicine”.

Allo stesso tempo è stato sottolineato che diete ben bilanciate e prevalentemente a base vegetale possono portare a un miglioramento dei livelli di nutrienti e sono state associate a minori rischi di alcune malattie, tra cui problemi cardiaci e diabete.

Gli individui dovrebbero considerare i benefici e i rischi di una dieta e assicurarsi di avere livelli adeguati di calcio e proteine e mantenere un indice di massa corporea sano, né in sovrappeso né sottopeso”, ha aggiunto lo specialista.

Differenze tra vegetariani, vegani e pescetariani

Un vegetariano è qualcuno che non mangia carne. Include pollame, manzo, maiale o pesce. A loro volta, possono scegliere se mangiare o meno altri prodotti derivati ​​da animali, come uova, latte o miele. Ecco perché diciamo che esistono diversi tipi di vegetariani. Una sottocategoria è costituita dai flexitariano o semivegetariani che seguono un modello di alimentazione di tipo vegetariano, senza rinunciare ad alimentarsi sporadicamente di proteine animali.

Si potrebbe definire la dieta pescetariana come un’evoluzione più permissiva della dieta vegetariana anche se non può essere ricompresa perché una carne animale, quella dei pesce, è presente nel loro regime alimentare . Dall’altro lato i pescetariani rivendicano la loro questione etica, affermando che i pesci non verrebbero maltrattati come invece accade agli animali  come i bovini negli allevamenti intensivi.

Pescetariani o vegetariani? – my good lives

I vegani, infine, sono i più estremi poiché non mangiano né utilizzano prodotti di origine animale. Evitano la carne, inclusi pollo e pesce, uova, latte, latticini, burro, gelatina e miele, tra le altre cose. Rifiutano qualsiasi alimento di origine animale.

Tutte queste sottocategorie alimentari hanno inevitabilmente delle carenze dal punto di vista nutrizionale dovute al fatto di privarsi di alcuni elementi che possono essere fondamentali per l’organismo e difficilmente sostituiti.

Spesso è molto meglio quindi affidarsi ad una dieta mirata o una dieta mediterranea cercando di scindere la questione etica dall’ambito prettamente alimentare.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *